art nest 
laboratorio della creatività


via delle Ruote 23 r - Firenze

presenta

Vitali Web Dailies

P95.jpg (25625 byte)     P96.jpg (24687 byte)    P97.jpg (24206 byte)

In occasione della manifestazione Pitti Filati alla Fortezza da Basso di Firenze nei giorni 7 / 8 / 9 Luglio 2004, ART NEST apre lo spazio del Laboratorio per mostrare i manufatti realizzati con fili ottenuti avvolgendo strisce di carta strappate dai quotidiani. Nella lavorazione di gilet, gonne, maglie, centri tavola … vengono utilizzate tecniche tradizionali come: ferri da maglia, uncinetto, telai … La carta viene riciclata senza aggiunta di colle e coloranti ed ogni manufatto è un pezzo unico e inrripetibile, un'opera d'arte da collezionare o da indossare in performances o per eventi particolari.

Dal 5 al 10 Luglio 2004
Inaugurazione: Mercoledì 7 Luglio alle ore 21
Orario: 10 / 12 - 17 / 19 - 21 / 23

elenco gomitoli      elenco abiti       elenco arazzi
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

il Corriere di Firenze
7 luglio 2004

CULTURA & SPETTACOLI
La pennellata
di Beatrice Guarneri

Fino al 10 luglio in via delle Ruote 23r

Anche "Il Sole 24 ore" diventa arte
negli abiti di carta di Ivano Vitali


Non è una novità che la carta venga utilizzata nella composizione di un'opera d'arte, ma è indubbiamente originale e innovativo il modo in cui Ivano Vitali, artista ferrarese ma fiorentino d'adozione, lavora e impiega questo materiale.
Nel lavoro di Vitali la carta viene utilizzata non come supporto o come inserto compositivo, ma come mezzo ed anzi, più precisamente, come "tessuto".
La carta, riciclata da riviste e giornali di vario genere, viene infatti strappata da Vitali in tante piccole strisce e, successivamente, ridotta in fili che vanno a formare veri e propri gomitoli. Questi vengono poi lavorati dall'artista con i ferri e all'uncinetto e vanno a confezionare abiti di carta: gilet, gonne, abiti, fino ai più recenti tailleurs e centrini eseguiti in collaborazione con la madre.
"La mia attività è cominciata negli anni '70 come performer - spiega l'artista. - Durante le performance usavo indossare ritagli e strisce di carta come indumenti arcaici, preistorici e da lì è nata l'idea di realizzare vestiti".
Nel laboratorio di Vitali, che stasera alle 21 apre al pubblico, si scorgono qua e là gomitoli di colori differenti: i vari grigi dei quotidiani, il rosa della Gazzetta dello Sport, l'arancio del Sole 24 ore, i colori lucidi delle riviste o luccicanti degli involucri delle uova di Pasqua. Tra questi spiccano alcuni gomitoli di diverse gradazioni di bianco: "ho un progetto per il futuro - ci confessa - fare un abito da sposa".

homepage