XL’A
Associazione
Per l’Arte
Contemporanea
 CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI FIRENZE      
Presenta il primo allestimento

 H A B I T A T

H A B I T A T

 H A B I T A T

 Un ciclo di mostre presso Il giardino “Orti del Parnaso”
Via Trento - FIRENZE -
Inaugurazione:
venerdì
18 marzo 2005 alle ore 17
Orari: 19 - 20 Marzo dalle. Ore 10,00 alle 19,00
 ARTISTI: 

LUCIANA ALTERINI
SERENA ARCIERI
CARLO BASTIANI
IRA BECOCCI
MARIA CRISTINA BIAGIOTTI
BIANCA BORRIELLO
ELENA DIPADOVA
ALESSANDRO FRATI
PINO GORI
GIANLUCA GUZZI
MARIELLA LATTANZIO
MASSIMO LIVERANI
PATRIZIO PAMPALONI
ANNA TIGANO
ELDA TORRES
MAURO VEGLIANTE
SAVERIO VINCIGUERRA
ADA VISCONTI
IVANO VITALI
è un progetto multidisciplinare che coinvolge artisti che con diverse forme di espressione si confrontano con i luoghi del quotidiano.
L’incontro tra le opere e 1’am­biente nel quale si inseriscono, dialo­gando con esso, ha solo un dogma che è insito nel luogo stesso e cioè quello di esistere in sè, nella mutevolezza dovuta sia alle sue intime caratteristiche che a quelle ambientali esterne.

Il ciclo di appuntamenti che inau­gura il progetto ha per protagonista gli Orti del Parnaso, un giardino che ha trascorsi di cambiamenti ed interpretazioni che ne hanno mutato il volto nel tempo e che ha come testimone recente un drago polimaterico, un grande ospi­te, che tutt’ora lo domina, determinando una nuova morfologia.

Il gruppo di artisti che partecipa a questo primo appuntamento si è con­frontato con il giardino in modo perso­nale e irripetibile altrove con le stesse istanze, scegliendo in alcuni casi di con­frontarsi ancora con esso per gli altri momenti del ciclo stagionale previsto.

Sono previsti infitti quattro appunta­menti che daranno opportunità allo spazio di esprimersi nei suoi molteplici aspetti durante le quattro stagioni, da quella prima­verile dell’inaugurazione a quella invernale con la quale il ciclo sarà concluso.

XL’A

Associazione per l’arte Contemporanea si propone di cogliere e creare occasioni per realizzare eventi artisti­ci nel rispetto dell’uma­nità e dell’ambiente operando anche al di fuori dei circuiti ufficia­li dell’arte.

L’associazione raccoglie in sè una serie di personaggi attivi in vario modo nel dibattito dell’arte contempora­nea, per lo più decisi ad esserne parte attiva anche in veste di promo­tori ed in tal senso aper­ti ad accogliere nuove voci e punti di vista.

Tra i progetti che l’associazione ha deciso di utilizzare HABITAT è solo uno dei tanti che gravitano intorno ad un’idea di più ampio respiro che è quella di coinvolgere in un rap­porto dialettico l’artista e un particolare ambiente: i giardini cit­tadini nei loro aspetti inattesi, nel loro stato di cura o di abbandono, come pure gli spazi urbani.

Non si pensa ad una cosmesi del territo­rio ma a luoghi da vive­re e vitalizzare con i lin­guaggi della contempo­raneità in alternativa ad una società che sempre più si immedesima e si rispecchia nei centri commerciali come prin­cipali e quasi unici spazi collettivi.

I modi di inter­vento, che assumono i toni di territorialità, si muovono su proposte e progetti, spesso di con­certo con altre associa­zioni con ricerche parallele.

L’associazione è aperta al dialogo e alla partecipazione auspi­cando consensi e patro­cini da parte di enti ed amministrazioni che si sentano partecipi del­l’iniziativa, compren­dendone le valenze in termini di vivibilità e rispetto delle città e del­l’ambiente in cui viviamo.
 
Habitat    (primavera)  (estate)  (autunno)
Orti di Parnaso - Firenze 2005
 
Interpretazione di un giardino
Villa Caruso - Lastra a Signa 2004
.
home of the paper
home page