COMUNE DI FIRENZE

ASSESSORATO ALLA CULTURA
 
CONSIGLIO DI QUARTIERE 4
 
Tracce fuori centro
di Francesca Milani
 
EVENTI - ARTE CONTEMPORANEA
 
Giovedì 27 Settembre 2001 - ore 21.30
 
Progetto CONTATTO/CONFINE
 
a cura di
Patrizia Landi
azione5.JPG (31731 byte)azione6.JPG (24653 byte)

Antonella Di Lodovico e Grazia Ferrali

'Tamburi  in  azione"
 
Performance di Ivano Vitali
con Maria Cristina Biagiotti (Tamburino rosso), Antonella Di Lodovico (Tamburino blu),
Mirna Galli (tamburino giallo), Elena Ginanneschi (tamburino bianconero)
e la partecipazione del pubblico
Testo poetico di Dino Sileoni
Musiche di Alberto Giglioni
 
 
Cortile di Villa Vogel -  Firenze
 
 
azione1.JPG (17200 byte)azione2.JPG (16661 byte)azione3.JPG (21887 byte)azione4.JPG (16950 byte)
 
 
"Dal mio diario" di Ivano Vitali
 
... inizio la performance “Tamburi in azione” con la lettura della prima parte del testo poetico “Tamburi Amodali” di Dino Sileoni da parte di Anna Cassarino.
Terminata la lettura, dal portone principale e passando sotto un soffitto a ”botte”, fanno il loro ingresso uno alla volta nel cortile, i tamburini rosso, bianconero, giallo e blu, accompagnati dalle musiche eseguite al pianoforte dal compositore Alberto Giglioni. Nello stesso tempo gonfio e faccio volare  i sacchi di quotidiani di colore rosa, bianconero, giallo e celeste, che utilizzo per coprire Francesca Milani, Gina Bachmeier, Valérie Buffetaud e Giampaolo Salvadori posizionati al centro del quadrilatero formato dai figuranti e con il compito di muoversi seguendo il suono del tamburino che hanno di fronte.
Nella seconda parte, mi trasformo in un direttore d’orchestra e davanti al leggio che contiene una raccolta di immagini che mi ritraggono nei diversi costumi, muovo due bacchette di legno, per indicare modi e tempi ai tamburini che suonano prima uno alla volta, poi due alla volta  e , per finire,  tutti insieme. La seconda parte del testo poetico “Tamburino Amodale”  viene letta da Gloria Ferrali,  quindi la performance si conclude con l’abbraccio dei quattro sacchi in una unica forma.

 

azione7.JPG (24719 byte)                                                                                                                                         

Il Tamburino Amodale (1)
 
drum drum drum
Il tamburino è stato esiliato
Il tamburino più non serve
Da tempo non annuncia
Rullando il banditore
Che da notizie o légge
Al feudo del signore
drum drum drum
Da tempo non precede
l’esercito che avanza
Uguale a un caterpillar
drum drum drum
Il tamburino è “nudo”
Del suo lindo vestito
Per armi ha due bacchette
Di faggio ben tornite
drum drum drum
E intanto fa da scudo
Al fante che lo segue
drum drum drum
Il tamburino è morto (non ha chi lo piange)
tuk tuk tuk
Il tamburino è risorto
Con i colori del mondo (un mondo fatto di carta)
E il tamburino impavido
Di notizie oggi ne ha tante (le ha tutte addosso)
Tanto che si veste
Uguale a uno sciamano
tuk tak tuk
La vita è sotto la “ruota”
Emette un suono sordo
tuk tuk tuk
Batte con due rametti - rozzi
Ha una pelle di latta
tuk tik tuk
Non conosce la musica
La non arte è il suo mestiere
tuk tak tuk
Eppure cià il léggio
Spartiti di figure
tuk tik tuk
E’ un erudito selvaggio
E’ un nobile primitivo
tu - tu tuk tak tuk
tik tik tik
Zitti ...!
E’ un piacere ascoltarlo
Ha un fine “orecchio”
Il Tamburino Amodale (2)
 
... strisce di carta vestito verde
nel rosso tramonto
Dopo il blu sarà giallo d’amore
tue rozze oro bacchette di ramo
appena appena spellate ad un suono di latta
Nell’incostante cadenza da un trespolo bianco
mentre il nero irreale s’acquista alla grazia
della tua innata innocenza
Oh tamburino amodale
tu riadorni l’inossidabile foglio
del sentimento
per un concerto a figure che muove
quest’anonima piazza
E con primitiva energia lasci l’etereo fumo
che delle cose è ormai schiavo e padrone
in un tempo superato dal tempo
Per cui tutto ciò che vien fatto vedere ...
deve ancora accadere
Oh tamburino di carta
tu sai cercare ancora nel fondo
del tuo bicchiere ...
che sa stare in attesa vegliando
la morte dell’uomo
e sai intonare umilmente la pittura dei sensi
come odorare un colore ...
dare ascolto alla vista ...
sentire il sapore del tatto ...
gustar la carezza del suono
Decollando
o suono o rumore del bacio e del tradimento
atterri sul corpo del fare
Adorno del tuo nudo ritorno
barbaro e colto
nobile straccio
Tamburino sciamano
 
 
18/06/2001             
Dino Sileoni                             Poeta Amodale

homepage      curriculum