Ivano Vitali partecipa con il laboratorio sul recupero della carta - RIFIUTI AD ARTE: LE PRATICHE SOSTENIBILI - presso la sede del Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci - Prato. Progetto in collaborazione con CESVOT e Lega Ambiente, rivolto alle scuole secondarie di 2° grado e agli adulti, da novembre 2008
spinpart.JPG (131895 byte)
Ivano Vitali - Collana di quotidiani

LA NAZIONE Prato 21/1/2009

Se i rifiuti diventano arte - Convegno e mostra al Pecci

LABORATORI, un convegno, una mostra per un progetto sul sistema di utilizzare le «buone pratiche» per la gestione dei rifiuti attraverso l’arte. L’intera iniziativa è stata presentata ieri da Michela Buongiovanni presidente della Cesvot di Prato, Franco Di Martino responsabile di Legambiente e Riccardo Farinelli del dipartimento cultura del Museo Pecci, gli enti che collaborano all’idea che ha come fine anche il coinvolgimento delle scuole del territorio (nel caso la scuola primaria Collodi, la scuola secondaria Malaparte, l’Istituto Gramsci-Keynes, l’Istituto Datini e l’Istituto d’arte di Montemurlo, le associazioni del volontariato e Asm.

«Rifiuti ad arte» si chiama il progetto che ha avuto lo scopo di allestire una serie di laboratori guidati da artisti contemporanei specializzati nel settore come Ivano Vitali (che adopera la carta di giornale), Paolo Fabiani (che assembla materiali d’uso al colore creando sculture), Laura Facchini (che utilizza fili e tessuti), Traore Moussa (che si definisce “ambientalista scultore”) che hanno già realizzato importanti opere con materiali di recupero. Il convegno, dunque, diventa l’atto finale del progetto che ha cercato di valorizzare le pratiche sostenibili nell’arte usando ciò che in genere viene buttato, lasciando ovviamente ad ognuno la propria creatività: del resto insostituibile in queste occasioni.

Il convegno è fissato per sabato alle 9,30 nell’auditorium del Centro Pecci con la partecipazione di tutti i rappresentanti degli enti organizzatori oltre a specialisti nel settore, assessori ed esponenti di altre città che hanno operato nel riciclo dei rifiuti. Accanto una grande mostra dove saranno visibili i lavori degli artisti-docenti, gli elaborati degli studenti, frutto dei laboratori. Tutto questo in un momento in cui in città parte l’operazione della raccolta porta a porta. Saranno visibili fino al 7 febbraio.

Arte e rifiuti, sostanza e originalità in questo progetto partito da un’idea di Legambiente e poi sostanzializzato dalla Cesvot e dal Pecci: non un’arma di smaltimento o di eliminazione, ma una buona pratica positiva.

                                                                                                                       Franco Riccomini

home page        home of the paper       manifesto       depliant